La stanza del delitto

Divertirsi è l'unica attività in cui valga la pena di impegnarsi seriamente

Oscar Wilde

 

"La stanza del delitto" è una commedia brillante che recupera tutti gli elementi tradizionali del classico giallo inglese: Intrighi, passaggi segreti, drammatiche agnizioni. Come in una commedia scritta a quattro mani da Wodehouse e Campanile, la vicenda(come è buona norma in un giallo che si rispetti) si fa sempre più intrigata, ad un ritmo imprevedibile fatto di rapide "accelerazioni" e di brevi "soste" un po' stralunate. Il linguaggio di questi sei personaggi,afflitto da innumerevoli lapsus, giochi di parole e fraintendimenti di ogni tipo, si dimostra ancora una volta lo strumento perfetto per "non" farsi capire. Ciò che lo spettatore capirà ben presto, comunque, é che questo spettacolo va seguito con la massima attenzione, poichè di serio, qui, non c'è assolutamente nulla.

Francesco Tranquilli

La stanza del delitto
Personaggi ed interpreti
Edgar Hollister (gentiluomo di campagna) ............... Antonio Sterpi
Mavis Templeton Hollister (sua moglie) ................. Rita Trobbiani
Lotty Molloy (loro governante) .......................... Emilia Bacaro
James Crandall (ispettore di polizia) ................ Stefano Trasatti
Abel Howard (agente di polizia) ........................ Antonio Sterpi
Susan Hollister (figlia di Edgar) .................. Eleonora Sbrascini
Barry Draper (fidanzato di Susan) ................. Massimo Pigliacampo